Infasil

Il corso di preparazione al parto

home page | presentazione del corso

Abbiamo raccolto alcune delle domande più frequenti sul tema di questa lezione.
Cerca la tua risposta.

1. I corsi preparto sono gratuiti? Dove si svolgono?

I corsi di preparazione al parto (“corsi di accompagnamento alla nascita”) organizzati dalla propria ASL di riferimento sono del tutto gratuiti e si svolgono in genere presso i reparti maternità degli ospedali o presso i consultori di zona. I corsi che vengono organizzati da enti privati sono a pagamento. La durata dei corsi dipende dalla singola struttura e dalla singola ostetrica responsabile del programma di ciascun corso.

2. Quando inizia in genere un corso di preparazione al parto?

La maggior parte degli ospedali organizza ciclicamente dei corsi: ci si può informare presso la struttura stessa o chiedendo al proprio ginecologo o all’ostetrica che vi seguirà. In genere si raccomanda di parteciparvi tra la 26° settimana e la 30° settimana ma dipende da struttura a struttura. È importante frequentare tutte le sedute soprattutto quelle previste sul travaglio e sulle tecniche per affrontare il dolore. Non mancate neppure quando si visiterà tutta l’area dedicata al travaglio, al parto e al postparto: è molto importante per acquisire familiarità con l’ambiente dove verrà alla luce vostro figlio, soprattutto se si tratta del primo.

3. Al corso preparto può partecipare anche mio marito?

Ormai in quasi tutti i corsi preparto si promuove la partecipazione della coppia e si organizzano anche incontri specifici per i papà. Incoraggiate il vostro partner a parteciparvi, è sicuramente utile che conosca e sia ben consapevole fin dall’inizio di quale ruolo prezioso può svolgere per sostenervi e per vivere appieno insieme a voi questa esperienza unica. Sono molti i papà che hanno iniziato titubanti e che si sono poi rilevati molto partecipativi e più avidi di informazioni.

4. Durante il corso si possono fare tutte le domande possibili?

Assolutamente sì. Durante il corso è possibile sciogliere ogni dubbio e confrontare il proprio vissuto e i propri timori con altre donne e coppie che stanno vivendo la stessa esperienza. Spesso sono proprio i piccoli problemi quotidiani a preoccupare di più: parlarne insieme serve a sciogliere le preoccupazioni e ad affrontare gli ultimi mesi di gravidanza con maggiore serenità. Provate a leggere quello che dicono le donne e le coppie che abbiamo ascoltato.